Maternity Blues, Depressione Post-Partum, Psicosi Puerperale

La nascita di un bambino viene considerata un evento di ideale felicità e gioia per i genitori. Ci si aspetta neo-mamme sorridenti e solari nello svolgimento dei loro compiti di accudimento, serene e felici, senza ombre sul volto. Ma talvolta le cose possono non andare secondo le aspettative.

Più spesso di quanto si pensi (alcuni studi stimano fino all’85%di incidenza), nei primi giorni di vita del bambino la neo-mamma sperimenta uno stato emotivo di profonda tristezza e affaticamento, il cosiddetto Maternity blues. Esso rappresenta il disturbo emotivo più comune e, allo stesso tempo, più lieve e transitorio, che ricorre molto spesso nella prima settimana dopo il parto. La  donna manifesta frequenti sbalzi d’umore e crisi di pianto. Questi momenti sono accompagnati anche da ansia, dubbi e preoccupazioni insistenti che possono riguardare la salute del bambino e la sua sopravvivenza, ma anche da insofferenza e risentimenti nei confronti del figlio, specialmente in situazioni frustranti, ad esempio quando il bambino si rifiuta di mangiare, o si risveglia ripetutamente durante la notte.
Questa reazione emotiva dura di solito pochi giorni e tende a diminuire spontaneamente e ad andare incontro a un progressivo miglioramento.

Non tutte le situazioni però riescono ad avere un avvio positivo e le difficoltà persistono nel tempo rimanendo invariate, o addirittura si aggravano, manifestandosi con un insieme di segni e sintomi comunemente chiamati Depressione post-partum.

L’insorgenza di tale patologia può avvenire già in gravidanza o entro i 3 mesi dal parto circa.

I sintomi più comuni sono:

  • senso di completa inadeguatezza, tristezza, vergogna, collera
  • difficoltà nel sonno o con l’appetito
  • irritabilità
  • disturbi somatici (es. mal di testa, stanchezza)
  • trascuratezza verso sé stesse o verso il bambino,
  • pensieri insistenti, seppure di breve durata, che ruotano attorno al fare del male al bambino o al farlo cadere

Alcune donne hanno la sensazione di essere incompetenti e di non riuscire a fare quanto dovrebbero per essere delle “brave madri”; altre invece possono percepire il loro bambino come difficile da gestire perché non si adatta ai loro ritmi. Ciò le porta ad abbattersi e a sentirsi intrappolate, sommerse e assorbite completamente dalle richieste del neonato, e sempre più lontane dal mondo in cui vivevano prima della nascita del bambino.

In alcuni casi, le madri riescono comunque a prendersi cura del bambino in modo efficace, rispondendo ai suoi segnali e bisogni con piacere e gratificazione, e sostenendo uno sviluppo del bambino positivo. In altre situazioni, invece, le richieste del bambino possono generare rabbia o ostilità, oppure la tristezza può essere così pervasiva da rendere difficile relazionarsi o giocare con lui, a tal punto che la madre tenderà a evitare il contatto e la vicinanza, sia fisica sia emotiva.

Le cause del disturbo sono molteplici:

  •  fattori di tipo ormonale,
  • vissuti emotivi e psicologici (il cambiamento fisico e della concezione di sé, la sensazione di perdita della libertà e della propria identità),
  • la propria storia personale o familiare,
  • l’alterazione del ritmo sonno-veglia per i ritmi dell’allattamento,
  • mancato supporto sociale,
  • una relazione insoddisfacente con il partner,
  • difficoltà economiche e lavorative

Inoltre sicuramente contano anche il temperamento del bambino, la sua salute e le modalità del parto o le complicazioni ostetriche.

 

Qualora si presentino questi sintomi è fondamentale rivolgersi all’aiuto dello psicologo o dello psicoterapeuta evitando di isolarsi o pensare che si tratti di una condizione normale. Quanto prima si intraprende un percorso terapeutico (e in alcuni casi farmacologico), quanto prima la donna può stare meglio e attuare un sereno accadimento del suo piccolo.

 

La psicosi puerperale è invece il disturbo psichiatrico legato alla maternità più grave e raro. I sintomi caratteristici sono: 

  • deliri, allucinazioni,
  • brusche oscillazioni dell’umore,
  • disturbi del comportamento
  • rifiuto totale del piccolo
  • tristezza ed apatia per la maggior parte del giorno, tanto da non dedicarsi neanche alla cura di sé.

Questi disturbi hanno delle conseguenze sia a breve che a lungo termine anche sul bambino e sulla relazione di attaccamento tra madre e bambino. Risulta quindi fondamentale una precoce individuazione dei sintomi per evitare che il disturbo si aggravi e per poter intervenire tempestivamente con la Psicoterapia ed eventuali cure farmacologiche adeguate.

Dott.ssa

Annalisa Casoni

Psicologa - Psicoterapeuta - Sessuologa

© 2020, Annalisa Casoni  All Rights Reserved.

Riceve su appuntamento a:
ASTI (AT), Via Pietro Micca 32 
CASALE MONFERRATO (AL), Corso Valentino 149

Telefono: 320.2150561 – E-mail: info@annalisacasoni.it 

Scroll Up